• La Chiesa Parrocchiale nuova La Chiesa Parrocchiale nuova
  • Particolare delle antiche fortrificazioni medievali Particolare delle antiche fortrificazioni medievali
  • Tipico carrugio cerianasco Tipico carrugio cerianasco

Ceriana, un borgo di mille anni

Ceriana è un paese antico. Pare certa la sua costruzione sulle spoglie di un castellario ligure, in una zona a cui i romani diedero il nome di “Coeliana”. Sebbene la prima fondazione debba ricercarsi proprio in quel periodo, lo sviluppo del paese avviene in epoca medioevale
Oltre alla forma architettonica ancora visibile, è in quell'epoca che prendono forma tradizioni, usi e costumi tramandati fino ad oggi. Una cultura ancora viva, che si osserva nel parlare dei suoi abitanti, nella tradizione canora e musicale, e nelle feste rituali che animano la vita del paese, dove le antiche confraternite mantengono un ruolo di primaria importanza.

 

Fondazione

La prima fondazione di un abitato nei pressi di Ceriana sembra risalire all'epoca dell'Impero Romano. Fonti storiche certificano la presenza nella zona di una “gens Coelia” che avrebbe dato il nome all'abitato di Coeliana, in accordo con la toponomastica in uso nell'antica Roma.
Il paese, tuttavia, assume il suo aspetto inconfondibile tra l'XI e il XII secolo. A quell'epoca prendono forma alcuni dei suoi monumenti più suggestivi, come l’antica Chiesa romanica di Santo Spirito e la struttura urbanistica “a chiocciola” tipicamente medievale.
A partire da allora, la storia di Ceriana si unisce a doppio filo con quella della Repubblica di Genova. Sotto il suo dominio Ceriana attraversa tutte le epoche storiche dal basso medioevo all'età moderna, fino all'epoca napoleonica e al passaggio sotto il Regno di Savoia. 

 

Costruzione

Il paese si sviluppa lontano dalla costa, abbarbicato sul fianco scosceso della valle, e assume nei secoli le caratteristiche difensive dell'antico Castrum circondato da mura possenti e solidi contrafforti. Il nucleo abitativo è appoggiato sulla roccia che ancora affiora tra i muri delle case, costruite in pietra arenaria. Collocando la nascita del borgo verso la fine del X secolo, Ceriana subisce per più di metà della sua storia il flagello delle incursioni perpetrate dai pirati saraceni e barbareschi.
Alcuni antichi palazzi testimoniano il potere delle famiglie locali. Tra gli altri, merita una visita il Palazzo dei Conti Roverizio di Roccasterone che, grazie alla sua imponenza, emerge tra le case e i monumenti della parte bassa del borgo. Il Palazzo Rubini di corso Italia, costruito nell'ultimo decennio del XIX secolo sulla via principale del paese, è oggi in ottimo stato di conservazione e sede di istituzioni pubbliche.
Ma il vero vanto di Ceriana sono le sue Chiese e i quattro Oratori, sedi delle secolari confraternite che ancor oggi partecipano alla vita della comunità e animano le feste civili e religiose del paese. La Chiesa Parrocchiale, la Chiesa Vecchia, i quattro Oratori di Santa Caterina d'Alessandria, di Santa Marta, l'Oratorio della Madonna della Visitazione e la Chiesa di Sant'Andrea (con la torre civica che domina il paese), bastano per tracciare lungo le vie del paese un percorso artistico di pregio e di sicuro impatto evocativo.

 

Cultura

Con la crescita economica dei primi secoli dell'età moderna, si evidenzia a Ceriana una vitalità culturale che si afferma in più settori: il canto e la musica, il teatro, l'arte figurativa, la poesia e la scultura.
 La vocazione della gente di Ceriana che si identifica e si riconosce in queste arti, è testimoniata dall’attività dei Cori, della Compagnia Teatrale e delle altre associazioni che sono parte integrante della vita stessa del paese. Un rilievo assoluto è da attribuire alle confraternite che accompagnano la crescita fisica e spirituale di ogni cerianese, di cui il canto è elemento fondamentale. Così come lo è, nell’ambito delle funzioni religiose, il recupero delle antiche e recenti laude cerianasche
L'arte del canto risale al periodo rinascimentale, epoca durante la quale è accertata la creazione delle due laude mariane dedicate alla Madonna della Villa. A questo filone musicale si affianca la formazione di gruppi teatrali per sacre rappresentazioni.
La tradizione musicale di Ceriana pone le sue radici nel medioevo ed è strettamente legata al culto di Maria: al 1200, epoca di fondazione della prima "Chiesetta Rustica" della Villa, si fa risalire la composizione dell’antichissima lauda "Maria, a bambinèla", primo di una lunga serie di testi musicati destinati all’invocazione della Madre di Gesù.